Preistoria nel Veneto





1gg
"Preistoria nel Veneto"
0
Voto degli utenti. Se ci sei stato dai il tuo voto!
0 voti totali

Le prime evidenze di popolamento rinvenute nella nostra regione si datano al Paleolitico Inferiore (fra 500.000 e 300.000 anni fa) e Medio (120.000-40.000 anni fa), quando l’uomo iniziò ad insediarsi in imboccature di grotte e ripari sotto roccia, localizzati prevalentemente sui Monti Lessini e sui Monti Berici. Il percorso, strutturato in ordine cronologico, prende avvio da queste primissime fasi con la visita della Grotta di Fumane, che conserva i resti di una frequentazione reiterata di gruppi umani fra 100.000 e 32.000 anni fa. Ci si sposta quindi al Museo di Storia Naturale di Verona, che ospita una ricca documentazione di reperti preistorici scoperti nel territorio veronese tra la metà dell’Ottocento e la seconda metà del Novecento. La terza tappa del viaggio alla scoperta del Veneto preistorico conduce allo straordinario complesso cultuale e funerario di Sovizzo, che testimonia lo sviluppo nell’età del Rame (Eneolitico, 3300-2300 a.C.) di una cultura funeraria documentata, nelle regioni limitrofe alla nostra, dai primi grandi sepolcreti emiliani e lombardi. Il percorso si conclude al Museo Civico di Vicenza, nella cui sezione preistorica è possibile prendere visione di un’ampia esposizione di materiali del vicentino dal Paleolitico fino a tutta l’età del Bronzo.










Leggi tutti i commenti su "Preistoria nel Veneto"

Ci dispiace, per adesso non ci sono commenti collegati. Se conosci questo luogo, puoi essere il primo a scrivere un commento a riguardo.